Quando siamo arrivati sembrava che nessuno avesse mai amministrato, poi abbiamo fatto un lavoro eccezionale

Fai una proposta per il nuovo programma elettorale sul Commercio 👉 qui

Ci siamo presi cura di tutti e cinque i mercati coperti presenti nel nostro municipio. Gli investimenti fatti in questi anni superano tutte le aspettative. Lo stanziamento, calcolando anche i fondi del 2021, supera gli 8 milioni di euro che sono serviti e serviranno a rendere i nostri mercati sicuri e più belli. I dati che vedete, presi dal Sistema elettronico della Ragioneria Generale di Roma Capitale, sono chiarissimi; dieci anni di nulla da parte delle precedenti amministrazioni. Un impegno enorme da parte dell’attuale Amministrazione. Un solo stanziamento consistente è stato fatto nel 2013 e poi ci sono stati anni dove i mercati sono stati lasciati senza alcuna cura o manutenzione. L’attuale amministrazione ha stanziato una media annua di 1 milione e 638 mila euro, l’amministrazione guidata da Alemanno 482 mila euro annui e quella di Marino nulla. Da rilevare 2012 mila euro impegnati nella fase commissariale che comunque gestiva l’amministrazione in fase ordinaria.

Quando siamo arrivati sembrava che nessuno avesse mai amministrato, la situazione ereditata era di totale abbandono sia dal punto di vista di manutenzione che del controllo delle attività commerciali all’interno degli stessi. Attraverso un intenso lavoro di coordinamento con la Polizia Locale e l’Ufficio Commercio abbiamo, in soli tre anni, recuperato circa 2 milioni di euro di canoni arretrati, mentre diversi box chiusi o usati impropriamente li abbiamo messi a bando; abbiamo così creato nuovi posti di lavoro. L’introduzione della somministrazione all’interno dei mercati ha dato nuova vita alle attività che ora hanno la possibilità di diventare un punto di aggregazione per i cittadini e saranno di più di un luogo dove fare la spesa.

Il lavoro ci ha visti impegnati anche sui cinque i mercati saltuari del municipio e come per i mercati fissi abbiamo trovato una situazione di totale abbandono, disorganizzazione e illegalità, come se nessuno, della parte politica, abbia mai voluto lavorare su un tema così importante. La Commissione Commercio ha intensificato l’attenzione sulla mancanze di legittimità delle procedure e ha approvato per la prima volta le planimetrie della maggior parte dei marcati saltuari e pianificato lo spostamento di quelli che non trovano una collocazione a norma di legge.

Per gli Isolati Fissi e le Rotazioni (le così dette bancarelle) abbiamo subito attivato un lavoro di censimento approvando un piano di riordino, la situazione era incredibilmente fuori controllo con licenze scadute, canoni e irregolarità di posizionamento, specialmente quelle sui marciapiedi che abbiamo provveduto a spostare.

Intensa è stata l’attività di controllo e di lotta all’abusivismo commerciale. Per questo abbiamo dato sostegno al miglioramento delle procedure degli uffici e avviato una azione di recupero dei tributi per 3 milioni di euro.

Condividi questo risultato