La Casa della Cultura intitolata a ‘Gigi Proietti’ è un progetto ormai nel cuore della Comunità

Fai una proposta per il nuovo programma elettorale sulla Casa della Cultura 👉 qui

Un immobile di pregio nel cuore di Ostia, nato come mercato coperto – il San Fiorenzo di via Calenzana, e diventato, nel tempo, centro sociale occupato, punto verde qualità, centro intrattenimento per bambini (Chiqui Park), area abbandonata e violata da numerose irregolarità amministrative, tornato nelle disponibilità dell’Amministrazione, che rinasce come esperimento di partecipazione verso la concretizzazione del concetto di “Cultura-Bene comune”!

Dopo alcuni sopralluoghi ufficiali, nell’estate del 2020 il Consiglio Municipale blindava l’idea di una Casa della Cultura presso il sito di via Calenzana attraverso una propria Delibera, incaricando l’Amministrazione di “programmare assemblee pubbliche e azioni” volte alla partecipazione. Dopo la prima assemblea pubblica nel parco di settembre 2020, un grande successo di emozioni, partecipazione, ricchezza di idee e spunti creativi, all’Amministrazione sono pervenute ben 56 diverse progettualità da associazioni, comitati, singoli cittadini, alcune delle quali con molteplici temi.  A ciò è seguita, a inizio 2021, l’attivazione di 5 diversi Tavoli di Lavoro, in cui sono convogliati decine di “volonterosi”.

Con i tavoli di lavoro tante attività e la crescita Culturale del territorio

  • Nuove tecnologie, multimedialità, start-up
  • Arte e spettacolo
  • Eco-sostenibilità
  • Crescita culturale, formazione, peer education, PCTO
  • Articolazione degli spazi

I tavoli, con un lavoro tematizzato ma sempre in sintonia, hanno prodotto una progettualità presentata in una nuova assemblea pubblica dove è stato portato il lavoro fatto da Consiglio e Giunta sul modello di gestione amministrativo e organizzativo, rigorosamente pubblico e partecipato dalla cittadinanza, che costituirà un “unicum” di buone pratiche sul territorio di Roma Capitale.

La partecipazione, gli incontri, la politica e le associazioni culturali

Lo abbiamo avviato tutti insieme. Si tratta di un percorso partecipativo che vede quale soggetto la Casa della Cultura e la volontà segno di grande civiltà e di grande importanza per tutto il territorio e che rileva la necessità e la volontà di tutti i cittadini di prendere parte ad un progetto che deve essere di tutti. Per l’Amministrazione sarebbe stato molto semplice fare un bando e attendere il vincitore. Non è così. Questa è una idea che nasce dalla grande richiesta di spazi dove svolgere attività culturali; ognuno deve mettere la propria idea che insieme, con altri incontri, cercheremo di valutare, dando una veste finale. La Casa della Cultura non sarà un luogo da dividere in tanti ambiti, dove ognuno si prende la parte sua. Dovrà essere gestito in maniera pubblica, dove il cittadino potrà entrare e godere delle iniziative. Che sia un ambito di integrazione, dove ragazzi disabili possano studiare ed in imparare insieme agli operatori dei laboratori culturali.

Sono stati i singoli cittadini e rappresentanti di associazioni molti dei quali hanno preso parte alla fase partecipativa ad indicare le possibili attività da svolgere nella struttura di via Calenzana, in zona Stella Polare, ad Ostia. In alcune fasi della partecipazione sono stati consegnati moduli dove poter indicare la propria idea. Altri hanno scelto di inviare le proposte attraverso la mail e molti son o intervenuti nelle varie commissioni e nei tavoli di lavoro.

La bonifica dell’Ex Mercato San Fiorenzo

La bonifica dell’ ex Mercato San Fiorenzo è stata effettuata grazie alla convenzione stipulata con Ama nel 2020, per un importo di 30 mila euro serviti a raccogliere i rifiuti e a smantellare le strutture. L’edificio era abbandonato da anni, ma allo stesso tempo aveva delle enormi potenzialità. Dopo l’acquisizione del bene dal Patrimonio di Roma Capitale e il trasferimento al Municipio è iniziata una complessa bonifica di tutti gli ingombranti, dei rifiuti derivanti da occupazioni abusive, degli arredi vandalizzati. La bonifica è durata circa una settimana in quanto molte strutture sono state smontate manualmente.

La Convenzione stipulata tra Municipio Roma X e AMA S.p.A., per la prima volta su questo territorio ci ha permesso di operare con rapidità ed intervenire in funzione delle varia progettualità di rigenerazione degli spazi, è finalizzata all’affidamento dei servizi di gestione dei rifiuti urbani non coperti dalla Ta.Ri. relativi al servizio di ritiro, trasporto e smaltimento arredi scolastici, giochi dismessi ed apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), in disuso presso gli asili nido, le scuole dell’infanzia municipali, le scuole elementari e medie, rimozione rifiuti stradali e ripristino decoro urbano.

La riqualificazione di alcuni spazi usati per l’emergenza Covid a favore della scuola

Abbiamo terminato una parte della la ristrutturazione e nel frattempo alcuni spazi sono temporaneamente occupati da un plesso scolastico, che aveva bisogno di aule in più per garantire il distanziamento agli alunni, e interlocuzioni sono in corso da parte dell’Amministrazione con esempi similari di poli culturali pubblici in varie regioni del nostro Paese.

Condividi questo risultato