Abbiamo fatto più noi in tre anni che loro in trenta

Fai una proposta per il nuovo programma elettorale sul Patrimonio di Ostia Antica 👉 qui

Questa amministrazione, nell’ambito delle iniziative volte ad aumentare il numero di visitatori, ha siglato un protocollo di intesa con il Parco Archeologico di Ostia Antica e insieme al municipio sono stati vinti dei finanziamenti regionali per la Ricerca e Sviluppo di tecnologie e per la valorizzazione del patrimonio culturale, grazie ai quali verrà sviluppato un piano di conservazione e manutenzione dei reperti con le nuove tecnologie e verrà incrementata la fruizione fisica e virtuale del Parco Archeologico.

La nuova illuminazione artistica al Borgo di Ostia Antica

Abbiamo illuminato le meraviglie del Borgo medievale e il Castello di Giulio II, con 28 proiettori a Led e la Basilica paleocristiana di Sant’Aurea, irradiata da altri 5 proiettori. La visibilità della rete stradale circostante, è stata potenziata grazie alla sostituzione di 15 corpi illuminanti.

La ristrutturazione dell’approdo sul Tevere

Con finanziamenti ministeriali abbiamo completato la ristrutturazione del molo sul Tevere e l’apertura di una biglietteria d’ingresso alle sue spalle che permetterà di accedere agli scavi dopo aver navigato il Tevere.

Abbiamo avviato la sistemazione di Via della Stazione di Ostia Antica e sono in partenza i lavori per la realizzazione dell’Isola Ambientale davanti al Borgo medievale, un importante iniziativa per la sua valorizzazione che la cittadinanza attendeva da anni. Infine abbiamo avviato i sondaggi archeologici per verificare la fattibilità di realizzare un parcheggio sterrato che possa ospitare bus turistici camper e auto a Via Capo Due Rami. Infine lo sviluppo turistico di un territorio passa anche i servizi che lo stesso offre, per questo abbiamo richiesto e ottenuto che fosse istituita la nuova linea 060 di ATAC che collegasse in tempi rapidi e con frequenze elevate Ostia all’aeroporto di Fiumicino.

La riqualificazione delle sedute delle due piazze più importanti

Abbiamo riqualificato le sedute delle due piazze più importanti di Ostia Antica, Piazza Gregoriopoli e Piazza Umberto. Sono state installate panchine più belle ma soprattutto resistenti, in marmo travertino, che hanno sostituito quelle in legno che, col tempo, si erano deteriorate.

Il nuovo parcheggio accanto agli scavi di Ostia Antica

Abbiamo presentato il progetto per il parcheggio turistico e residenziale di Ostia Antica su Via Giovanni Patroni. Un importante intervento che risulta propedeutico alla realizzazione dell’Isola Ambientale che vedrà un ridimensionamento importante dei parcheggi delle auto. La sua valenza sul punto di vista turistico è indiscutibile in quanto verranno creati 10 posteggi per camper e 25 posteggi per autobus turistici. Inoltre, all’interno dell’area di 6.000 metri quadri sono previsti 95 posteggi per le auto e 39 per le moto. Si tratta di un ulteriore passo avanti per una maggiore fruibilità del Parco Archeologico di Ostia Antica Patrimonio Europeo e per il suo Borgo Medievale.

Partita la riqualificazione e l’isola ambientale di Ostia Antica

L’appalto prevede una serie di interventi che – unitamente alla futura disciplina del traffico – servono a riqualificare la zona di “Ostia Antica”. Stiamo mettendo in atto una serie di interventi che rendano questa fantastica area estremamente vivibile, un lavoro necessario per far diventare Ostia Antica patrimonio dell’U.N.E.S.C.O. Per anni tutti lo hanno chiesto e non basta dirlo ma bisogna anche agire altrimenti non piovono di certo dal cielo i riconoscimenti. Noi abbiamo lavorato per questo.

Dunque gli spostamenti in macchina saranno solo in ambito locale, favorendo così quanto più possibile la vivibilità della zona, le attività commerciali e l’accesso ai servizi cittadini, la pedonalità e le modalità di spostamento sostenibile diminueranno gli impatti ambientali e aiutando quelli sociali ed economici non dipendenti dalle automobili: Ad Ostia Antica cesserà l’inquinamento atmosferico, quello acustico e la congestione stradale.

La circolazione locale sarà differente e la realizzazione di opere definiranno gli ingressi all’area dell’isola ambientale che ospiterà alcune pedonalizzazioni dove è possibile. Mentre Via dei Romagnoli sarà più bella grazie al rifacimento delle pavimentazioni, la riorganizzazione funzionale degli spazi e la valorizzazione dei punti di maggiore interesse come gli ingressi al Borgo ed agli Scavi Archeologici. Metteremo una nuova segnaletica verticale ed orizzontale per creare zone ra velocità limitata, aumentando le superfici pedonali e la riorganizzando la sosta specialmente nel tratto antistante il Borgo da cui si accede al castello di Giulio II.

La pavimentazione dei marciapiedi e di Piazza Umberto sarà realizzata in selciato romano e sarà bellissima e poi verranno abbattute tutte le barriere architettoniche disegnando percorsi tattili che permettano l’orientamento per non vedenti o ipovedenti e il riconoscimento di luoghi di pericolo quali rampe, scale o intersezioni, proprio in corrispondenza degli attraversamenti.

Inoltre, in prossimità dell’ingresso al Borgo, saranno collocati dei dissuasori in cemento e pietra per impedire il traffico veicolare lasciando accesso solo ai mezzi di soccorso. Intorno alla zona esterna a ridosso del Castello verrà realizzata una nuova area verde, verranno sistemati i marciapiedi e verrà adeguata la segnaletica verticale ed orizzontale, in modo da riordinare la disciplina e di traffico. In ultimo, verranno realizzate opere per lo smaltimento delle acque meteoriche con la predisposizione di nuove griglie di raccolta e caditoie ad integrazione della rete fognaria esistente. Un progetto ambizioso che con noi vede la luce.

Qui trovate foto e aggiornamenti sui lavori ad Ostia Antica

Per venti anni non è stato posizionato un centimetro di marciapiede ad Ostia Antica e finalmente le cose cambiano. Per fortuna!

Dopo anni di inerzia abbiamo risolto i problemi degli Ex Lavatoi e ora facciamo il bando pubblico per valorizzarli

Gli ex lavatoi di Ostia Antica sono finalmente nel patrimonio del decimo municipio; parliamo di un posto incantevole, una ricchezza storica che abbiamo valorizzato. È stato un lavoro lungo che ci ha portato a risolvere le problematiche burocratiche del passato; anche qui come in tantissime altre questioni che abbiamo ereditato ci sono stati profili di carattere giudiziario. Oggi tutto questo è il passato e possiamo utilizzare questo importante spazio per fini promozionali, turistici e culturali. La pandemia passerà e i turisti torneranno e noi vogliamo essere pronti.

Nei prossimi giorni lavoreremo per convocare un’assemblea pubblica in cui delineare in tempi brevissimi il percorso che porterà al bando pubblico per l’assegnazione dei locali. Ci sarà l’opportunità di coinvolgere il Parco Archeologico e tutte le realtà locali. Sono orgoglioso del lavoro che hanno fatto i consiglieri municipali. Acora una volta questa amministrazione si dimostra efficiente nel superare e risolvere qualsiasi problematica.

La riqualificazione di Via della Stazione di Ostia Antica e l’accessibilità al Parco Archeologico

Finalmente ci siamo! Un lavoro lungo che ha portato al finanziamento dei lavori con la sostituzione dell’attuale ponte di ferro che conduce alla stazione, la realizzazione di aiuole, l’abbattimento delle barriere architettoniche con la realizzazione di due ascensori per la disabilità, un intervento quest’ultimo già concordato con il SIMU.

Sono stati fatti a tal fine i sopralluoghi per attivare uno studio di fattibilità per l’installazione di elevatori. Il progetto del Dipartimento Mobilità e dell’Agenzia per la Mobilità consente dunque l’apertura dell’ampio parcheggio antistante la stazione direttamente dalla Via Ostiense. L’apertura del parcheggio è prossima e ci permetterà di pedonalizzare il piazzale della stazione dove insiste il ponte in modo da recuperare lo spazio di ingombro per gli ascensori. E’ chiaro che ci vorrà del tempo ma finalmente abbiamo iniziato.

l progetto risale al 2018 e prevede la pedonalizzazione di questo settore di Ostia Antica. L’ingresso agli scavi sarà ancora più bello e funzionale. Gli abbattimenti di alcuni alberi sono stati decisi dagli agronomi e verranno puntualmente sostituiti. Anzi, secondo quanto hanno scritto sulla certificazione alcune alberature erano oramai a fine vita ed altre sporgevano pericolosamente verso le case. Prima di avviare l’intervento abbiamo acquisito tutti i pareri necessari, tra cui, quello fondamentale della Riserva naturale statale del litorale romano che ci ha fatto obbligo, ad ogni modo, di ripiantare nuove alberature giovani e saranno sempre dei pini marittimi, come ci è stato espressamente richiesto.

La pedonalizzazione prevede la riqualificazione dell’are, la realizzazione di aiuole, l’abbattimento delle barriere architettoniche. Abbattere delle alberature non era certo una priorità, siamo stati costretti. In caso contrario tra due anni saremmo stati di nuovo costretti ad intervenire e le persone con difficoltà deambulatorie non potevano certo percorrere il viale dissestato dalle radici.

Condividi questo risultato