Il Municipio X ha raggiunto il 64,5% di raccolta differenziata. E’ quanto emerge dal ‘Rapporto rifiuti e raccolta differenziata’ presentato da Legambiente. Il nostro è un luogo costiero virtuoso. Ci abbiamo lavorato tanto portando la nuova raccolta porta a porta a 65mila famiglie dell’entroterra. Puntiamo ad aumentare questi numeri nei prossimi anni per raggiungere la vetta della sostenibilità ambientale; vogliamo essere i migliori. Siamo veramente soddisfatti per aver portato la raccolta differenziata su tutte le spiagge libere di Roma e per aver potenziato il servizio delle utenze non domestiche, cioè ristoranti, bar, esercizi commerciali, aziende produttive, studi professionali e strutture ricettive. Il dato sulla raccolta differenziata parla di un’ampia estensione del modello di raccolta Porta a Porta che ha raggiunto il 70% dei suoi cittadini. Nella nota si legge che il municipio costiero è uno dei migliori come numeri tra i comuni costieri. A tutto questo si aggiunge il rafforzamento dell’Ama di Municipio con l’apertura dell’officina che per anni è stata chiusa. Tutto questo per un’azienda più vicina ai cittadini e più efficace nei suoi servizi.

Porta a Porta e raccolta condominiale in tutto l’entroterra del municipio

Abbiamo completato con il supporto dell”Amministrazione centrale l’estensione del nuovo modello di raccolta differenziata porta a porta nell’entroterra del nostro Municipio. La mappatura, effettuata da 70 addetti Ama, ha consentito di individuare oltre 17mila utenze in più (+16%) non censite. Sono state inoltre censite 6.300 utenze non domestiche su strada e 1.570 nei condomini. Un risultato storico!

Avviate campagne di sensibilizzazione sul nuovo modello di raccolta differenziata.

Il Piano Esecutivo prevede che oltre 65 mila utenze siano servite con il “porta a porta”, 6 mila utenze con le domus ecologiche e le restanti 39 mila utenze tramite postazioni con contenitori “intelligenti”. L’installazione delle Domus e dei cassonetti intelligenti sono subordinate alle gare di appalto AMA. L’attivazione del nuovo modello di raccolta è stato promosso tramite campagne di sensibilizzazioni, pubblicitarie e incontri sul territorio con Amministrazione municipale e Ama.

Ostia, riapre officina dell’Ama abbandonata per tre anni e i romani risparmiano più di 1 milione di euro

La struttura, rimasta chiusa per anni, è stata riattivata da Ama in accordo con Roma Capitale e consente oggi di effettuare operazioni di manutenzione a “km 0” per i mezzi leggeri che saranno utilizzati per la nuova raccolta differenziata del municipio. L’officina di Ama ad Ostia, era stata chiusa nel 2014 senza giustificati motivi e in precedenza Ama pagava un affitto passivo per un’altra sede e per cui la chiusura dell’officina comportava uno spreco di oltre un milione di euro all’anno per l’affitto di uno stabilimento esterno e altre risorse venivano sprecate per gli appalti di manutenzioni degli automezzi.

Oggi grazie a questa operazione fortemente voluta dalla parte politica non è più così. La riapertura di questa officina rappresenta un ulteriore passo verso il miglioramento complessivo del servizio nel nostro quadrante territoriale che per popolazione equivale ad una città italiana medio-grande. Ci siamo impegnati al massimo per valorizzare ed utilizzare al meglio le nostre risorse nell’esclusivo interesse dei cittadini.

Condividi questo risultato