L’evento “Mare in chiaro”,

Si è tenuto alla Lipu sabato 8 febbraio 2020 ed organizzato dall’Osservatorio Ambientale del X Municipio di Roma Capitale, con il supporto dell’Amministrazione, è stato un grande momento di crescita e di arricchimento sulle tematiche ambientali.
Cittadini di ogni età hanno preso parte alle attività che si sono articolate nell’arco di tutta la giornata tra convegno, laboratori, visite e formazione.
I competenti relatori scientifici hanno ben descritto le eccellenze marine che caratterizzano il mare ed in particolare la nostra costa. Gli argomenti trattati, infatti, hanno visto un approfondimento delle stupende secche di Tor Paterno, della stanzialità di delfini chiamati appunto capitolini, l’avifauna come indicatore ambientale e le strutture a globo di sabbia create dalla sabellaria alveolata.
Novità assoluta di questo Municipio e del territorio nazionale, presentata in occasione dell’evento, è il codice etico volontario per l’osservazione dei cetacei, nato da una importante collaborazione tra la Commissione Ambiente, Assessorato municipale, associazioni competenti e Capitaneria di Porto.
Le attività si sono concluse con la formazione dei nuovi osservatori ambientali a cura dei Carabinieri Forestali e della Capitaneria di Porto, al fine di fornire informazioni utili sui comportamenti da tenere tra mare e terra.

Il Palazzo del Governatorato si illumina di blu

Il 30 di ogni mese il Palazzo del Governatorato, quale luogo più rappresentativo del territorio, si illuminerà di blu per ricordare che il mare non esiste solo d’estate, ma ogni giorno dell’anno.
L’iniziativa rientra nella campagna “Manteniamolo blu”, avviata dalla Direzione Marittima del Lazio, alla quale l’Amministrazione del X Municipio ha aderito con slancio. Lo scopo è quello di sensibilizzare i cittadini alle tematiche ambientali ed in modo particolare al rispetto del mare, negli ultimi anni oggetto delle più svariate forme di inquinamento e aggressioni di natura antropica.

Condividi questo risultato